Da Ponte a Ema agli Europei di atletica Under 23: Lapo Bianciardi correrà nella 4 x 400

917
Lapo Bianciardi è il numero 5, primo da sinistra

PONTE A EMA (BAGNO A RIPOLI) – Campionati Europei under 23 di atletica leggera di Gavle in Svezia: Lapo Bianciardi presente!

Il velocista 21enne di Ponte a Ema, in forza alla società storica Assi Giglio Rosso di Firenze nella categoria Promesse, con i suoi 47,58 secondi è tra i convocati per la 4 x 400 alla competizione europea che si terrà dall’11 al 14 luglio in terra svedese, vestendo così i colori della squadra azzurra.

Lapo non è nuovo a questo tipo di convocazione e conta già due presenze in nazionale: nei precedenti Campionati Europei Under 20 di Grosseto del 2017, dove si posizionò ottavo; e nei Campionati Mondiali Juniores di Bydgoszcz in Polonia, nel 2016.

“Vestire la maglia azzurra è da brividi, ogni volta sempre di più – ci racconta – Sono molto soddisfatto anche perché è stata un’annata difficile. Dedicarsi completamente allo sport vuol dire essere molto esigenti con se stessi ed avere alte aspettative”.

“Dalle quali però – riprende – se non arrivano subito buoni risultati, possono nascere insicurezza e sfiducia che rischiano di demoralizzarti. Ci vuole testa per gestire tutti gli equilibri e ringrazio il mio allenatore Luciano Venturi per essermi così vicino e per avermi trasmesso questa passione”.

Una passione scoperta nel 2014, quando proprio il suo allenatore lo notò durante una gara scolastica all’Istituto Gobetti-Volta di Bagno a Ripoli, che Lapo frequentava.

“Luciano – ricorda – mi propose di provare a fare atletica e l’idea mi affascinò”.

Il ripolese, anche ex alunno della scuola “Francesco Redi” di Ponte a Niccheri, lasciò così la società ASD Belmonte per la quale giocava e il verde dei campi di calcio per passare al rosso del tartan della pista. Che di lì a poco gli avrebbe proposto sfide importanti.

“Ammiro molto Luciano – conclude Lapo – e lo ringrazio per il supporto che mi dà costantemente”.

Tanta testa ma anche tanto cuore a completare un’atleta che affronta un lavoro quotidiano duro con determinazione, rigore e impegno. Un lavoro che comporta scelte e sacrifici: ma che può ripagare con grandi soddisfazioni.

Silvia Rabatti

@RIPRODUZIONE RISERVATA