Rally Valtiberina: Alessandro La Ferla e Marco Piazzini, due sancascianesi super!

237
Nella foto La Ferla e Piazzini in volo verso il successo di classe colto al Città di Arezzo-Crete Senesi e Valtiberina (free copyright Federico Mariotti)

SAN CASCIANO – Alessandro La Ferla torna dal 13° Rally Città di Arezzo-Crete Senesi e Valtiberina con un sorriso smagliante, frutto di una prestazione tanto superlativa quanto concreta ed intelligente.

Sugli sterrati senesi ed aretini, dove in passato si sono sfidati i protagonisti del mondiale, il portacolori di Jag Sport, che si alterna tra i ruoli di pilota e navigatore, ha colto il suo miglior risultato con il volante tra le mani, arpionando, assieme a Marco Piazzini, una sensazionale quattordicesima posizione assoluta con la piccola Peugeot 106 N2, di cui è proprietario assieme a Giacomo Matteuzzi e Juri Frosini, vincendo la classe e chiudendo secondo tra le vetture a due ruote motrici e terzo di gruppo N.

Iscritto alla serie Raceday Rally Terra, La Ferla ha primeggiato anche nel proprio raggruppamento (consolidando la seconda posizione in campionato), nel Trofeo Pirelli e nel Peugeot Competition, dove adesso è leader di classe, prima dell’appuntamento finale, il Liburna Terra ad inizio aprile.

“Stento ancora a credere nella bella prestazione che io e Marco abbiamo messo in campo lo scorso weekend – dice un incredulo La Ferla – Siamo partiti con l’obiettivo di confermare la seconda posizione di classe ottenuta nel precedente appuntamento del Raceday, in Val d’Orcia, così da consolidare la medaglia d’argento in campionato”.

“Le due prove del sabato – ricorda – il doppio passaggio sulle Santissime Marie, una delle prove speciali storiche del Sanremo mondiale, ci hanno galvanizzato, proiettandoci in vetta alla classe. A quel punto abbiamo iniziato a credere nella vittoria, e sulle prove della domenica abbiamo battagliato a lungo con Chiesura, rispondendo colpo su colpo ai suoi attacchi. Poi lui ha commesso un errore che lo ha pesantemente attardato, mentre noi abbiamo evitato di fare sciocchezze ed abbiamo raggiunto un risultato forse insperato, ma meritato per quello che abbiamo dimostrato”.

“Merito di quello che riesco a fare – tiene a dire – è anche di Giacomo Matteuzzi e Juri Frosini, prima di tutto amici veri oltre che consiglieri preziosi nel percorso di crescita che ho intrapreso nel 2017. Il mio navigatore, Marco Piazzini, è una certezza, ed anche questa volta è stato perfetto: ormai è imprescindibile la sua presenza al mio fianco quando mi diletto con il volante tra le mani! Infine, questo risultato lo dedico ai miei partner, che mi sostengono nell’avventura del Raceday: Edil Chianti Restauri, Medes, Stefano Viviani Agente Mapei, Jumangi e Terre di Perseto”.

Ad attendere Alessandro La Ferla ora rimane l’ultimo appuntamento del Raceday: il 5-6 aprile andrà in scena l’undicesima edizione del Liburna Terra, dove l’imperativo sarà chiudere i giochi nel Trofeo Pirelli e nel Peugeot Competition, nei quali, pur avendo un risultato in meno, il rallista di San Casciano è divenuto leader grazie alla vittoria colta ad Arezzo.

@RIPRODUZIONE RISERVATA