Impruneta Tavarnuzze, Allievi pronti a partire. Marcucci: “Non vedo l’ora di cominciare”

1035

TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – L’appuntamento per l’inizio della preparazione è per il 26 agosto sul Monte Amiata.

Ma Simone Marcucci, allenatore degli Allievi Regionali dell’Impruneta Tavarnuzze, scalpita già: “Non vedo l’ora di cominciare, di scoprire questa nuova squadra”

1

Per Marcucci sarà l’ottava stagione di fila alla guida dei colori verde-azzurri, la prima alla guida del 2002: “Conosco qualche ragazzo che è “salito” con i 2001 lo scorso anno, ma per il resto ci conosceremo sul campo”.

La squadra, con cinque-sei innesti di valore su un gruppo già valido, si preannuncia interessante: “Sarà il campo a confermarlo o meno. Di sicuro sono arrivati ragazzi con tanta voglia di fare, mentre ci sono state delle partenze di ragazzi che hanno deciso di intraprendere altre avventure ma la società si è mossa adeguatamente sul mercato per allestire una rosa di livello”.

“Ho le mie idee su questa squadra e su come potrebbe muoversi – prosegue – ma ormai l’esperienza mi insegna che poi magari sul campo cambia tutto, ti vengono altre cose in mente. Di sicuro, come sempre a Tavarnuzze, partiremo dal gioco. I ragazzi devono giocare e divertirsi. Solo così arrivano i risultati. E a Tavarnuzze si cerca sempre di far giocare le squadre, di farle stare bene in campo, al di là dei moduli”.

Quella degli Allievi è un’annata particolare: “E’ la stagione che proietta questi ragazzi verso il mondo dei “grandi”, degli Juniores e della prima squadra. Un passaggio delicato. Ma loro hanno la fortuna di trovarsi in una società che fa di tutto per farli crescere nel modo migliore. Lo conferma anche la sinergia con il Lebowski, dove sono saliti quasi tutti i ragazzi degli Allievi dello scorso anno. E questo deve essere uno stimolo per tanti ragazzi”.

Ormai lo staff tecnico è affiatato dopo anni di lavoro comune: “Siamo ormai una grande famiglia, come ci piace dire. A Tavarnuzze si sta bene. E si lavora bene, anche con il rapporto con l’Atalanta che permette a noi tecnici di crescere e di aggiornarci”.

Il 26 intanto si parte. “E io non vedo l’ora” ribadisce Marcucci.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi