La stagione invernale sta per finire: la famosa presciistica ha un valore o no?

536

Nonostante il buon Burian abbia cercato di allungare più del dovuto la consueta durata dell’inverno siamo agli sgoccioli della stagione invernale, John Snow permettendo (chi ha visto Game of Thrones capirà).

Tante persone sono già partite per la settimana bianca, quindi terranno a mente questi buoni consigli per il prossimo anno, ma chi deve ancora godersi la molta neve caduta in queste settimane farà bene a drizzare le orecchie.

Come di consueto noi di FisioLab 2.0 ci affidiamo agli ultimi ritrovati della scienza medica per consigliarvi o meno di intraprendere un percorso preventivo o riabilitativo, e anche in questo caso così facciamo.

Si sente spesso parlare di presciistica o di preventiva, quando ci avviciniamo al periodo invernale, sia da addetti ai lavori che al bar la mattina o quando andiamo a prendere i figli a scuola. Ma cosa si intende per presciistica?

Nell’accezione comune sono tutte quelle attività (nota bene, i massaggi non servono a preparare i vostri muscoli e le vostre articolazioni) che si svolgono o meglio si dovrebbero svolgere prima di andare a sciare o a fare snowboard.

Già dal 2013 la scienza medica provava ad indagare le possibili strategie motorie e le tipologie di allenamento utili per ridurre il rischio di infortuni.

Tutti concordi sull’importanza dell’allenamento ma altrettanto efficaci risultavano essere misure comportamentali (attenzione alla piste, corretta gestione del corpo, scegliere le piste in base al livello di allenamento) e di equipaggiamento.

Nel 2018 invece è uscito un interessantissimo articolo che dimostra che un allenamento mirato può ridurre l’incidenza degli allenamenti, soprattutto per l’adattamento del corpo a livello propriocettivo alle possibili rotazioni del tronco e degli arti inferiori.

Il tipo di allenamento consigliato è quello che unisce il potenziamento degli arti inferiori con i classici esercizi (come ad esempio squat e affondi), ad un incremento degli esercizi che coinvolgono addominali e anche arti superiori per dare maggior stabilità e controllo al tronco.

Quindi per tirare le somme, va benissimo che andiate a sciare, ma se non siete sportivi e non fate un attività continuativa durante l’anno, non vi improvvisate sciatori professionisti, ma vi consigliamo con un anticipo di 3-4 settimane rispetto alla partenza per la settimana bianca, di potenziare i vostri muscoli e le vostre articolazioni con un po’ PRESCIISTICA!!!!!

Qui da FisioLab 2.0, Manuel Franchini di Mountain Move organizza un corso di allenamento funzionale per la presciistica molto divertente e stimolante , se non sapete a chi rivolgervi questa può essere una buona alternativa.

Altrimenti, come al solito, lo staff di FisioLab 2.0 è disponibile per un programma personalizzato per il vostro stato attuale e per il tipo di sciatori che vorrete diventare!

Articolo a cura del Dr. Simone Pratesi, laureto in Fisioterapia, Master I livello in Terapia Manuale, socio fondatore di FisioLab Studio fisioterapico e FisioLab 2.0, amante del proprio lavoro e sportivo dilettante