CESENA – E’ un Daniele Buzzegoli deluso a metà e soddisfatto… per l’altra metà quello che ieri, sabato 3 dicembre, si è presentato nella sala stampa del “Dino Manuzzi” di Cesena.

A commentare la sconfitta per 3-2 del suo San Donato Tavarnelle, su un campo che si presentava molto difficile.

Ma sui cui i gialloblu hanno dato tutto, chiudendo con qualche recriminazione.

“Questa squadra poteva portare qualcosa a casa – inizia Buzzegoli – Non possiamo permetterci di regalare 15 minuti come accaduto nel primo tempo”.

“Dispiace – ammette – perché probabilmente poi abbiamo speso tanto e abbiamo pagato la stanchezza di partite come Gubbio e Aquila Montevarchi”.

“I nostri giovani si stanno ambientando sempre di più in questo campionato – riflette – e si sono confrontati in uno stadio di categorie superiori. Hanno dimostrato di essere all’altezza e la cosa che più mi rende contento è stata la voglia della squadra di crederci e provare a stare sul campo”.

“Sotto di due reti poteva finire in goleada – aggiunge – e così non è stato. Abbiamo provato a pareggiare ma non ci siamo riusciti”.

“Ci siamo comportati molto bene in fase di possesso – conclude – e una volta che la squadra si è liberata del fardello psicologico di uno stadio simile la reazione si è vista”.

Trasferta quasi impossibile, ma il San Donato Tavarnelle vende cara la pella a Cesena: sconfitto 3-2

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Redazione
La redazione di SportChianti dà spazio, ogni giorno, a tutti gli sport nei comuni chiantigiani: calcio, pallavolo, basket, pallamano, baseball, karate, danza, ginnastica, ciclismo...