SAN CASCIANO – L’ormai seguitissima rubrica “A casa di…” ha portato la Sancascianese a parlare, a distanza, stavolta con mister Alessandro Calderone.

Il tecnico gialloverde racconta tante curiosità su questi mesi a San Casciano e sul suo approccio alla nuova realtà: “Ero già stato a San Casciano come giocatore e allenatore. Ma l’ho trovata cambiata, con più voglia di arrivare, con più entusiasmo”.

⚽️🔰 A CASA DI…MISTER CALDERONE!.Ecco il quarto appuntamento con “A Casa di..”.Oggi siamo andati a bussare alla porta di Mister Calderone.Non perderti questa puntata, e continua a seguire la nostra pagina.Forza ragazzi!INSIEME POSSIAMO!🔰⚽️❤️

Pubblicato da U.s. Sancascianese Calcio su Venerdì 27 marzo 2020

E ancora riflessioni sull’ambiente: “Qui c’è un entuasiamo raro per la Seconda Categoria: allo stadio vengono tanti, giovani e meno giovani, a tifare per la squadra del loro paese. E’ stata una scoperta ed è un onore essere il loro allenatore”.

Il momento fin qui più bello? “Le 600 persone allo stadio in semifinale, un’atmosfera elettrizzante. Che rimarrà per sempre negli occhi di chi l’ha vissuta”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA