FIRENZE – Tra poco più di due settimane l’Eccellenza 2019/2020 comincerà il suo viaggio con il primo turno di Coppa Italia.

Intanto però il campionato di categoria è alle prese con due questioni paradossali che riguardano due piazze storiche del calcio toscano: Poggibonsi e Viareggio.

I giallorossi, dopo aver sfiorato la Serie D nella stagione scorsa, si sono regolarmente iscritti al campionato e il 1° settembre dovrebbero giocare in Coppa Italia il primo match, ovvero il sentitissimo derby la Colligiana. Dovrebbero appunto.

Il problema è che al momento non esiste nessuna squadra giallorossa che possa scendere in campo, dato che il “closing” per il passaggio della proprietà dal presidente attuale Gaetano Mesce alla cordata fiorentina guidata dall’avvocato Filippo Corsi al momento non è andato a buon fine. Che succederà adesso?

C’è più di un forte rischio, ad oggi, che i giallorossi possano anche non cominciare il campionato: il che significherebbe di fatto un girone B presto zoppo, dato che comunque gli organici sono al momento già ufficiali e a giorni dovrebbe anche uscire il calendario del campionato.

Una situazione davvero al limite del paradossale e di cui non abbiamo memoria guardando indietro negli anni.

Ma quanto sta succedendo a Viareggio non è da meno. La squadra bianconera, retrocessa dalla Serie D, non ha proceduto all’iscrizione on line al campionato nei termini stabiliti e quindi non è rientrata nell’organico dell’Eccellenza.

A questo punto il Viareggio 2014 potrebbe al massimo ripartire dalla Terza Categoria. Ma il direttore generale Tommaso Volpi ha fatto sapere di aver presentato ricorso al Collegio di Garanzia del Coni per essere ammessi al campionato di Eccellenza 19/20.

Le chance di riuscita sembrano molto basse, per non dire nulle. E anche in questo caso la situazione è surreale, al limite del grottesco.

Specie se si considera che si sta parlando di due piazze di lunghissima tradizione (il Viareggio è stato fondato nel 1919, il Poggibonsi nel 1925) e che vantano anche un buon passato in Serie C nella loro storia.

@RIPRODUZIONE RISERVATA