Giorgio Calcaterra

CASTELNUOVO BERARDENGA – Mancano otto mesi all’appuntamento con la EcoMaratona del Chianti Classico del 17 ottobre e già arriva la piacevolissima conferma della partecipazione di Giorgio Calcaterra sulla distanza di 42km.

Non ha bisogno di presentazioni “Re Giorgio Calcaterra”, maratoneta ed ultramaratoneta che ha macinato un numero enorme di km regalandoci prestazioni straordinarie, come le 12 vittorie consecutive alla 100 km del Passatore e le tre volte medaglia d’oro mondiale di ultramaratona 100 km (2008, 2011 e 2012), medaglia d’oro al valore atletico nel luglio 2017 “In riconoscimento dei meriti eccezionali in campo sportivo”, e tantissimo altro ci sarebbe da scrivere.

Ha già partecipato alla EcoMaratona del Chianti Classico?

“Ho avuto la fortuna di partecipare ma, poiché la settimana seguente avrei dovuto prendere parte ad una 100 km, ho corso la sorella minore, Chianti Classico Trail 21k. La partenza della 21 km non coincide con quella della EcoMaratona Chianti Classico, per cui non ho preso il via dal Castello di Brolio che segna in genere la partenza della 42 km. Desidero correre la 42 km il prossimo 17 ottobre, non vedo l’ora di misurarmi sul percorso completo”.

Andiamo indietro, che ricordi ha della manifestazione, quale atmosfera si respira?

“Credo che l’espressione che riassuma meglio le mie sensazioni sia che è una gara a misura d’uomo. Ricordo bene che l’organizzazione è molto curata, nulla è lasciato al caso, dai ristori ai pasta party, sì esatto, sono ben due, alle indicazioni per vivere le bellezze del territorio. Un’accoglienza calorosa e straordinaria.”

Come ha trovato il percorso della gara?

“Avendo corso solo la 21 km posso dire che è una gara da vivere con tranquillità. Si tratta di un trail, più impegnativo di una mezza maratona su strada, ma allo stesso tempo non troppo tecnico, non difficile. Il giusto compromesso che permette anche a chi non è abituato ai trail di partecipare e divertirsi, specialmente in un territorio così bello”.

Mancano ancora 8 mesi alla gara, cosa consiglia a chi volesse prepararsi?

“E’ ancora presto per fare una preparazione specifica. Per il momento, e visto il periodo difficile che stiamo vivendo, mi sento di dire che bisogna mantenersi in forma nel corpo e nello spirito. Penso che sia giusto allenarsi senza fare lavori specifici, più avanti bisognerà aumentare il carico di km, ma non adesso. Quindi allenarsi, ma con molta calma e serenità”.

Qual è la strategia nutrizionale di cui si avvale per arrivare in forma alle gare?

“Credo che ognuno debba stabilire delle abitudini personali. Io sono a favore del mangiare poco e spesso, tre pasti principali ed un paio di spuntini. Tutti i miei pasti sono completi in termini di tipologia di nutrienti, ho a cuore il concetto che non bisogna mai stressare il corpo. Quindi niente eccessi e niente privazioni, specialmente prima della gara.”

In termini di integrazione quale si sente di consigliare?

“Non si può pensare di correre una 42 km a stomaco vuoto, io utilizzo i prodotti del mio sponsor EthicSport con questo schema: Pre Gara alla partenza, MaltoShot Gel intorno al 10° km, SuperDextrin Gel al 25° km e un Energia Rapida sul finale. Tra breve farà più caldo ed è consigliabile assumere i sali minerali quando si svolgono lavori più impegnativi. Quando i carichi sono intensi può essere utile anche assumere dei multivitaminici, io mi trovo molto bene con Omnia”.

Programmi agonistici prossimi?

“Vorrei correre qualche maratona, a causa delle restrizioni non è semplice partecipare ma conto di essere sulla linea di partenza della Maratona della Maga Circe, ho partecipato (e vinto, ndr) lo scorso anno e poiché sono territori a me molto cari spero che si svolga e di esserci”.

Che messaggio vuol dare ai runner?

“Viviamo un momento difficile ed è dura anche trovare la motivazione per allenarsi. Io invito sempre a ricordare che la corsa è un gioco, uno strumento di benessere se vissuta nel modo corretto. E’ giusto ascoltare il proprio corpo, fermarsi se è necessario e non esagerare, l’accanimento può generare infortuni complessi. Abbasso la pigrizia, nel rispetto del benessere”.

Le iscrizioni all’evento sono già aperte da qualche mese e sono disponibili su www.ecomaratonadelchianticlassico.it.

Questo il riepilogo eventi

  • ECOMARATONA: 42 Km (max iscritti 700)

  • CHIANTI CLASSICO TRAIL: 21 Km (max iscritti 1.200)

  • TRAIL DEL LUCA: 13 Km (max iscritti 700)

@RIPRODUZIONE RISERVATA