Matteo Ciappi con il direttore sportivo Duccio Becattini

SAN CASCIANO – Un altro “figliol prodigo” di rientro alla base. La Sancascianese in questi ultimi due anni ha elaborato una strategia consolidata di ritorno a casa di molti ragazzi che hanno militato in maglia gialloverde.

Ed ecco quindi che nel primo giorno di agosto va a completarsi anche anche uno degli ultimi tasselli rimasti scoperti all’interno della rosa di mister Francesco Perini.

In porta arriva Matteo Ciappi, e si completa così il duo di portieri per la prossima stagione assieme ad Aldo Santini.

Ciappi, classe ’97, sancascianese doc, ha iniziato a muovere i primi passi su di un campo da calcio di viale Garibaldi, dove ha anche vinto un campionato nel settore giovanile per la categoria Giovanissimi, assieme al bomber Giulio Lumachi.

“Quando è arrivata la possibilità di tornare alla Sancascianese – sono le prime parole di Ciappi di nuovo in gialloverde dopo anni – ho subito dato la mia disponibilità al trasferimento, ero felicissimo”.

“San Casciano – ammette – era l’unico posto dove avrei ripreso a giocare a calcio dopo una stagione in cui alla fine sono rimasto fermo. Non vedo l’ora di rimettermi in gioco e tornare in campo”.

“Per me è un ritorno a casa – dice ancora – nel mio paese, dai miei amici, dalla mia gente e dai miei tifosi”.

“Nella mia scelta – conclude Ciappi con un pensiero ai tifosi – i “Farfa Boys” hanno fatto la differenza. In paese, quando li incontro, l’argomento Sancascianese da due anni a questa parte è sempre all’ordine del giorno. Sarà un onore vestire la maglia del mio paese e poter dare il mio contributo alla causa gialloverde”.

“Sono felice – commenta il direttore sportivo di prima squadra e Juniores, Duccio Becattini – che Matteo abbia ritrovato gli stimoli giusti per riniziare proprio qua a San Casciano. Ha voglia di rimettersi in gioco ed è pronto a mettersi a disposizione del mister con molta umiltà”.

“Per questo trasferimento – tiene a dire in conclusione – ringrazio pubblicamente il Cerbaia, nella figura del presidente Luca Presciutti. Nonostante il cartellino fosse ancora di loro proprietà ci hanno girato il ragazzo in prestito gratuito, consapevoli delle difficoltà per il momento complicato che stiamo attraversando”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA