foto Brucculeri

SAN POLO (GREVE IN CHIANTI) – La posizione di classifica del San Polo, nel girone H di Seconda categoria, è difficilissima. Quasi disperata.

Se il campionato fosse finito domenica scorsa la forbice non permetterebbe neanche i playout, sarebbe retrocessione diretta.

In questa situazione così delicata arrivano le parole del presidente biancorosso, Carlo Viviani Della Robbia.

Che da un lato confermano mister Marco Cresci (che a dicembre ha sostituito David Rabarbari) e, dall’altro, non risparmiano le critiche per aver fatto disputare il derby di domenica 10 marzo al “Walter Franchi” di Greve in Chianti.

“Confermiamo la fiducia a mister Marco Cresci nel proseguire il lavoro fin qui svolto” dice Della Robbia. Ed è una fiducia che andava espressa, visto che la squadra arriva da otto sconfitte di fila.

Della Robbia che non manca di esternare “un profondo e preciso malumore per lo svolgimento della partita a Greve in Chianti di domenica 10 marzo”.

“Partita – precisa Della Robbia – che doveva essere rimandata, come è stato fatto in altri campi, per un campo impraticabile. I giocatori stessi erano a rischio di infortuni”.

“Il calcio a questi livelli è divertimento, aggregazione, agonismo e rispetto – conclude Della Robbia – Non ci sono interessi monetari, non ci sono finanziarie dietro alle società. E il lunedì… si va tutti a lavorare, pensando ai sacrifici dei prossimi allenamenti e alla prossima sfida di fine settimana”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Redazione
La redazione di SportChianti dà spazio, ogni giorno, a tutti gli sport nei comuni chiantigiani: calcio, pallavolo, basket, pallamano, baseball, karate, danza, ginnastica, ciclismo...