BAGNO A RIPOLI – Spesso è difficile distinguere tra accumulo di liquidi nel tessuto sottocutaneo e cellulite perché possono coesistere. Cosa causa la ritenzione idrica?

Ce lo spiegano, con tutti i dettagli, dalla Blue Clinic di Bagno a Ripoli.

In condizioni normali il corpo umano è costituito per il 70% da acqua ed un complesso sistema di ormoni ne regola il corretto metabolismo e l’equilibrio.

Talvolta, per per diversi motivi, può capitare che i fluidi in eccesso non vengano smaltiti, restando intrappolati nello spazio tra una cellula e l’altra dando luogo alla ritenzione idrica.

Questo fenomeno è più comune nelle donne e riguarda soprattutto gli arti inferiori. Inoltre sono numerose le condizioni o le malattie vere e proprie che possono avere tra le loro manifestazioni il ristagno di liquidi.

Nella maggior parte dei casi la ritenzione idrica è comunque il risultato di scorrette abitudini alimentari e di vita, a partire da una dieta troppo ricca di sale non solo perché si ha la tendenza ad aggiungerlo alle pietanze ma anche perché si consumano spesso in modo inconsapevole cibi troppo salati come insaccati e salumi. Oltretutto l’eccesso di sodio è dannoso anche per altri motivi come ad esempio l’ipertensione.

Altre abitudini che possono favorire la ritenzione idrica sono la scarsa assunzione di acqua, il consumo regolare di alcolici e la sedentarietà. Inoltre l’acqua che beviamo facilita la diuresi e l’escrezione di liquidi.

Possibili cause della ritenzione idrica

1) Situazioni fisiologiche e parafisiologiche:

  • dieta troppo ricca di sale
  • scarsa idratazione
  • consumo abituale di alcolici
  • sedentarietà
  • aumento di peso
  • gravidanza

2) Patologie

  • ipotiroidismo (è una causa comune nelle donne giovani)
  • insufficienza renale acuta
  • scompenso cardiaco
  • malattie epatiche
  • alterazioni del sistema linfatico (linfedema)

3) Uso di farmaci

  • cortisone (assunto per via sistemica)
  • alcuni antipertensivi
  • pillola anticoncezionale

Come combattere la ritenzione idrica?

  • Idratarsi correttamente
  • Seguire una dieta a ridotto contenuto di sale
  • Praticare regolarmente attività fisica
  • Migliorare l’alimentazione prevedendo un elevato apporto di frutta e verdura che favoriscono l’eliminazione dei liquidi in eccesso
  • Massaggio linfodrenante per migliorare la circolazione linfatica

@RIPRODUZIONE RISERVATA