GREVE IN CHIANTI-BAGNO A RIPOLI – Si è chiusa nei giorni scorsi la stagione sportiva Tzubame ed Empi Dojo, con gli ultimi allenamenti programmati e l’ultimo giorno dei centri estivi “Karatestate”.

“Tante sarebbero le considerazioni da fare a proposito di questo ultimo anno di attività – dicono dai due dojo – condizionato – al pari del resto della vita di tutti – dalla pandemia Covid”.

“L’unica che vorrei menzionare – tiene a dire Marco Diani, uno dei cardini di questo piccolo-grande mondo del karate fra Bagno a Ripoli e Greve in Chianti (e non solo…) – riguarda il fatto che i nostri Dojo non hanno mai mollato e hanno comunque dato il massimo per mantenere unita e sempre motivata e coinvolta la nostra famiglia in karategi”.

“Presso la sede Empi di Osteria Nuova – prosegue ricordando gli ultimi appuntamenti – si è svolta la consueta lezione di Karaterzetà, un appuntamento che negli ultimi due mesi è stato integrato nel programma di risveglio muscolare dei ragazzi del centro estivo”.

“La condivisione di una passione comune – rimarca – quella per il Karate, ha portato ad allenarsi fianco a fianco bambini di 5 anni assieme a nonni di 87, secondo una formula ormai ben collaudata che apporta grandi benefici da entrambe le parti”.

“E’ terminato anche il percorso delle lezioni grevigiane in piazza Vassallo – annuncia – ma non si fermerà invece, in attesa della ripartenza a settembre, il lavoro di atleti ed istruttori per sistemare il Dojo Tzubame e renderlo perfetto per affrontare il nuovo anno sportivo”.

“La consueta pizzata in famiglia – prosegue ancora Diani – perché proprio di famiglia si tratta (non ci sentiamo più solamente ospiti nella sede del nostro Dojo, ma proprio come fossimo a casa nostra) presso la pizzeria di Osteria Nuova, da Elena e Matteo, ci ha permesso di salutarci e di condividere la speranza che a settembre tornerà tutto come prima e potremo ripartire alla grande”.

“Mi permetto a questo punto – tiene a dire – di ringraziare Marina, presidente del Dojo Empi, sempre attiva e presente per far funzionare tutto al meglio; Francesca, punto di riferimento per tutti i ragazzi del Dojo, sia come allieva agonista che, soprattutto, come istruttrice ed educatrice professionista; Martina, nostra capo redattrice, nonché animatrice di Karatestate, che fornisce un contributo costante al Dojo e sta inoltre piano piano colorando la propria cintura, rendendola sempre più scura”.

E ancora, “la nostra nonna Anna, presenza costante durante tutto il percorso di allenamenti, sia dal vivo  che online, allieva cintura gialla di Karaterzetà e anch’essa animatrice di Karatestate; Luciano, grande maestro divita vissuta e allievo di Karaterzetà, che ha reso interessantissimo tutto il percorso dei ragazzi del centro estivo con racconti storici di battaglie, insegnamenti di lingua e numeri cinesi, giochi di spade ed esposizioni di soldatini e guerrieri”.

Prosegue nei ringraziamenti, Marco Diani, con “Carlo, il MagoMaestro e karateka di lunga data, che come sempre ha intrattenuto grandi e piccini con i suoi giochi di magia; un ringraziamento sentito anche ad Emma e Daniele, agonisti cresciuti nel nostro Dojo, che hanno spalleggiato e aiutato il percorso di Karatestate”.

“Ed infine – conclude i ringraziamenti – un grande grazie al Maestro Michele Romano, per essere sempre la nostra guida e per l’ottimismo e la fiducia che da sempre infonde a tutto il gruppo, a partire da noi istruttori fino a i più piccoli allievi; ed infine rinnovo i ringraziamenti anche ad Elena e Matteo della Pizzeria di Osteria Nuova, per essere… così come sono”.

“Auguro un agosto di riposo e di serenità – conclude – a tutti i nostri karateka e alle loro famiglie”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA