Franco Bonciani (a sinistra) con Filippo Megli, nuotatore sancascianese che qui alla Piscina del Chianti ha iniziato con le sue prime bracciate

SAN CASCIANO – Franco Bonciani è uno dei soci di Aquatica, la società che gestisce la piscina di San Casciano.

Franco Bonciani è fra quelli che hanno visto le prime bracciate di Filippo Megli. E che lo seguono trepidante in ogni sua gara: in ogni suo ritorno a San Casciano un passaggio alla piscina, per nuotare o salutare, è d’obbligo.

E così, dopo il quinto posto della 4 x 200 stile libero a Tokyo, in cui Filippo ha espresso davvero un nuoto ritrovato, Franco Bonciani ha preso il cellulare (come una volta si faceva con carta e penna) e ha trascritto le sue emozioni.

“Un anno passato a combattere con un dolore alla spalla, fra sofferenze, dubbi, lavori mirati e non esattamente “allenanti”.

Un fine 2020 festeggiato con una fiammata di Covid che l’ha tenuto fermo un altro mese e mezzo.

Solo ad inizio marzo pareva quasi un ex nuotatore, in preda a incertezze e con una forma fisica che definire approssimativa è un eufemismo.

La qualificazione da conquistare all’ultimo momento, al Sette Colli, e anche lí sembrava un parente lontano del Filippo che conosco, ma ce l’ha fatta.

Tokyo, staffetta, buona batteria, ottima finale, è tornato, anche se sono convinto che valga tempi da podio nelle gare importanti e che lo dimostrerà.

Ma intanto è tornato.

E il saluto a Fabio Lombini dopo la batteria da la misura della sua statura morale.

Complimenti a lui, a Paolo, e, perché no? a Carla e Massimo”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA