Matteo Innocenti, confermatissimo alla guida del Grassina dopo la super annata 2019/2020

GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – Domenica torna in campo il Grassina dopo oltre un mese dalla ultima uscita, la sconfitta con il Foligno.

Contro la Sinalunghese “sarà un match da interpretare con intelligenza e attenzione – dice mister Innocenti sui social rossoverdi – affrontiamo un avversario preparato, tatticamente pronto, che ha caratteristiche simili alle nostre. Penso che non potremo permetterci nessun calo di tensione. Sarà la terza gara in casa di questo campionato, è arrivato il momento di prenderci i primi punti interni”.

Diversi giocatori sono al rientro dopo la positività al covid: “Stanno bene, gli mancava solo un po’ di allenamento – ha spiegato – ma nel complesso non abbiamo notato particolari carenze. In questo periodo ci siamo dovuti allenare a ranghi ridotti, per cui fa piacere rivederli in campo. Non abbiamo preparato per loro programmi di recupero differenziati; più che altro ci siamo concentrati sul farli giocare e sulla ripresa dell’attività tattica. Era fondamentale che non perdessero contatto col campo e le distanze. Il resto, sul piano tecnico e atletico, è venuto da sè”.

Poi uno sguardo a quanto fatto finora: “Forse è veritiero. Magari potevamo raccogliere qualcosa di più, ma non abbiamo sempre sfruttato gli episodi a dovere. Credo che nel nostro percorso sia normale incappare in dei passi falsi, considerando anche che è necessario ritrovare certi equilibri rispetto allo scorso anno. Abbiamo trascorso un’estate di cambiamenti, non di rivoluzione ma sicuramente di aggiustamenti, e per quadrare il tutto c’è sempre bisogno di tempo. Devo dire che non ci aspettavamo di perdere due partite in casa in questo modo, però da una parte l’imbattibilità interna stava quasi diventando un peso, era giusto che prima o poi tornassimo coi piedi per terra. Rimaniamo coscienti della nostra forza e dei nostri punti deboli”.

Poi sulla prosecuzione del campionato: “Non sarà come gli altri anni, ovviamente, ma credo che lo concluderemo. Credo che le basi per portare a termine la stagione ci siano. Anche a costo delle porte chiuse a oltranza. Il calcio deve andare avanti, non può fermarsi di nuovo per un’intera annata. Sarà un’annata ricca di sorprese, penso che ogni domenica matureranno risultati impronosticabili”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA