GRASSINA (BAGNO A RIPOLI) – “A chi dice di voler andare avanti chiedo: ma vi piace davvero questo campionato?”. Lo aveva già detto forte e chiaro la scorsa settimana, ben prima dell’ultimo Dpcm.

Lo ribadisce una volta di più oggi che la Lega Nazionale Dilettanti ha chiesto alle società, tramite votazione (di cui si attendono per oggi pomeriggi i risultati), se far proseguire o meno il torneo di Serie D o se invece optare per una sosta di un mese in attesa di novità sul fronte sanitario.

Il presidente del Grassina Tommaso Zepponi è assolutamente per lo stop immediato: “Non possiamo andare avanti così. Bisogna fermarsi adesso per un mese e vedere che succede. E se tra un mese non ci sono le condizioni per continuare è meglio annullare la stagione e a quel punto restituire alle società i soldi spesi per iscrizioni e tesseramenti”.

“Però temo che la maggioranza delle società avrà votato e voterà per proseguire e ovviamente a quel punto dovremo adeguarci anche noi – continua – Però io vedo solo un modo di andare avanti: con delle regole precise per quanto riguarda i rinvii delle partite e la gestione della positività. Per ora è lasciato tutto al caso. Ma così il campionato è già falsato in partenza, non si possono giocare tre partite soltanto ogni domenica, senza delle precise linee guida uguali per tutte”.

Poi lo sguardo si allarga al resto della situazione del mondo dilettantistico: “Se alle società togli gli incassi della biglietteria, gli sponsor, i ricavi del bar, come sta succedendo in questi mesi, le condanni alla chiusura”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA