TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – E’ arrivato a stagione in corso, proveniente dalla Sestese, e ha dato subito il suo prezioso contributo al centrocampo dell’Impruneta Tavarnuzze.

Adesso, domenica prossima, il classe 2004 Lapo Mazzoli sarà uno dei punti di forza nella sfida degli ottavi di finale di Coppa Regionale sul campo della Cattolica Virtus. Una partita difficilissima ma che per i Giovanissimi Regionali di Marco Guardati è già un premio per una bellissima stagione.

“Mi sono subito ambientato bene – spiega Lapo – anche perché conoscevo già diversi miei compagni di squadra: con alcuni di loro avevo già giocato, come con Travaglini ai tempi della Fiorentina, altri invece sono miei compagni di classe. È uno spogliatoio molto unito il nostro, stiamo volentieri insieme e in campo i risultati si vedono. In più conoscevo anche l’ambiente, dato che a Tavarnuzze aveva già giocato anche mio fratello maggiore Jacopo”.

“La sfida con la Cattolica non sarà facile – prosegue – perché sappiamo che è una squadra forte, in più ha anche una rosa molto forte fisicamente, mentre noi siamo più tecnici, più abituati a giocare il pallone. Comunque ci stiamo preparando nel migliore dei modi e faremo di tutto per metterli in difficoltà”.

“Lapo è un giocatore fondamentale per i nostri Giovanissimi – lo descrive il d.s. Fausto Gonnelli – E’ un centrocampista di grande intelligenza tattica e con una personalità superiore alla sua età: è un punto di riferimento in campo e fuori, con un curriculum importante alle spalle”.

Dopo aver cominciato al Galluzzo, è stato tre anni alla Fiorentina per poi passare per una stagione e mezzo alla Sestese, quindi l’approdo in verdeazzurro: “Non sono veloce – si racconta Lapo – ma penso di essere bravo nel distribuire il pallone a centrocampo. A me piace sempre tenere il pallino del gioco, così come alla nostra squadra piace sempre giocare e per questo andiamo più forte sui campi sintetici”.

Di fede interista, Lapo non ha dubbi sul suo giocatore preferito: “Marcelo Brozovic!”.

Gabriele Fredianelli

@RIPRODUZIONE RISERVATA