Grevigiana, prosegue il momento no: al Franchi il Pelago passa 3-0. Gialloblù all’ultimo posto

497
l'esultanza dopo il 3-0

GREVE IN CHIANTI – Un punto in quattro partite, un solo gol fatto: continua il momentaccio di inizio stagione per la Grevigiana, battuta a domicilio dal Pelago per la prima sconfitta in campionato al “Franchi”.

La formazione biancoverde, dalla sua, si conferma invece come una mina vagante del girone: solida e ben messa in campo, chiude di fatto la pratica già nei primi 45 minuti.

In effetti la Grevigiana cade già alla prima occasione. È il 7′, D’Ignazi perde palla in uscita, ne approftta Cassigoli che gli ruba la sfera e la regala a Massa per l’1-0.

l’esultanza per l’1-0

I locali provano a reagire, ma con poco costrutto. Al 9′ Bacci ha l’occasione buona in area ospite ma la conclusione a colpo sicuro sbatte sulla schiena di Pratesi e va in angolo.

Sull’altro fonte al 15′ viene invece annullato il possibile raddoppio per il fuorigioco dello stesso Pratesi che mette dentro di testa silla punizione di Guidotti.

Al 20′ ancora Grevigiana pericolosa: la punizione è di Galli dalla sinistra, la palla sbatte sull’esterno della rete dando l’illusione del gol e valendo solo un corner. Ma è sempre il Pelago la squadra più incisiva in avanti.

Al 23′ sul tentativo di Massa dal limite Truschi salva in due tempi, mentre al 25′, spalle alla porta, ci prova in rovesciata Guidotti ma ancora Truschi è attento.

I locali provano a replicare ancora. Al 32′ il tiro-cross dalla destra di Brandi sbatte sull’esterno del palo, mentre al 35′ sul traversone di Formosa dalla destra Balatri appoggia dietro per Fabbrini che batte a colpo sicuro ma la sfera viene rimpallata.

È l’ultimo squillo della Grevigiana, che al 39′ subisce lo 0-2: Cassigoli scatta su una buona palla in profondità e non lascia scampo a Truschi.

l’esultanza per il 2-0

Al 41′ anzi il Pelago sfiora il tris: gran servizio di D’Orazi a destra per Guidotti che manda il diagonale a sfiorare il palo opposto.

Nella ripresa Consigli prova a rimescolare le carte con un triplo cambio immediato: dentro Masini dietro le punte e dentro Enea Anichini e Gregorio Mariani al centro della difesa, con Miceli e Pistolesi spostati sull’esterno. Poi entrerà anche Salsi per Formosa.

Ma la situazione non cambia. Anzi, al 60′ il match si chiude con mezz’ora d’anticipo: il Pelago parte in contropiede e Anichini allarga una gamba in area sul lanciato Cassigoli. Il rigore di Massa vale il 3-0.

il rigore del 3-0

La Grevigiana si rivede solo con un diagonale di Masini fuori di poco (68′). Il Pelago gesisce, sfiora il poker con il nuovo enrato Ramaj (77′) e poi gestisce bene il risultato anche nel finale in dieci per l’espulsione di Monti per doppia ammonizione (87′). Per la Grevigiana è notte fonda. E domenica la trasferta è sul campo della Rondinella.

Gabriele Fredianelli

qualche tensione al rientro negli spogliatoi

IL TABELLINO: 0-3

GREVIGIANA: Truschi, D’Ignazi (46′ Mariani G.), Rossi (46′ Anichini Enea), Bacci (46′ Masini), Miceli, Pistolesi, Brandi, Balatri (65′ Mariani B.), Fabbrini, Galli, Formosa (53′ Salsi). A disp.: Clementi, Anichini Elia, Salvarezza, Corti. All.: Fabio Consigli.

PELAGO: Ravenni, Pelli, Pratesi (95′ Siquera), Monti, Bacci, Ferrati, Cassigoli (85′ Becherini), Bestrova, Massa (69′ Del Lungo), D’Orazi (73′ Ramaj), Guidotti (89′ Torrini). A disp.: Pecchioli, Franci, Pantiferi. All.: Marco Marchionni.

ARBITRO: Paduraru di Arezzo.

RETI: 7′ e 60′ rig. Massa, 39′ Cassigoli.

@RIPRODUZIONE RISERVATA