Valorizzazione dei giovani: la Lnd raddoppia gli incentivi per Eccellenza e Promozione

198

ROMA – Ci sono tanti buoni motivi per investire sui giovani, ma da quest’anno sono oltre un milione e mezzo: è questa la cifra in euro messa a disposizione dalla Lega Nazionale Dilettanti per le società di Eccellenza e Promozione che sposeranno la linea verde nella stagione 2019/2020.

Il bonus destinato ai club più virtuosi rientra nel progetto di valorizzazione dei giovani calciatori dei due principali campionati regionali istituito appena otto mesi fa, il cui successo ha convinto il Consiglio Direttivo LND non solo a confermarlo, ma ad ampliarne la portata: rispetto allo scorso anno saranno  infatti molte di più le società a beneficiarne, estendendo i premi dalle sole vincitrici di ciascun girone alle prime tre classificate nell’apposita graduatoria, raddoppiando di fatto i fondi stanziati a tale iniziativa.

“E’ un segnale importante a sostegno della politica che riteniamo più giusta per il rilancio tecnico del calcio italiano – ha commentato il presidente della Lega Dilettanti Cosimo Sibilia – Se i giovani sono la chiave per risalire ai vertici, il nostro movimento è in grado di dare una spinta decisiva a tutto il sistema”.

Queste le linee guida fondamentali: alle società sarà assegnato un punteggio relativo all’impiego dal 1° minuto in gare ufficiali di giovani calciatori in aggiunta alla quota prevista dai singoli Comitati Regionali, compresi quelli eventualmente eccedenti il numero minimo stabilito dalla LND (uno nato dall’1/1/2000 in poi e uno nato dall’1/1/2001 in poi). Non verranno presi in considerazione i prestiti dai professionisti, mentre saranno escluse dal calcolo le ultime tre giornate di campionato e le gare della post-season.

Per chi svolge l’attività di settore giovanile contestualmente nelle Categorie Allievi e Giovanissimi, indipendentemente se Regionale o Provinciale, scatta un bonus del 20% dei punti totalizzati.

Sia in Eccellenza che in Promozione è previsto un premio di 9mila euro per le prime classificate nella speciale graduatoria, 6mila per le seconde e 3mila e 500 per le terze.

@RIPRODUZIONE RISERVATA