Dopo 13 anni in gialloblu Alessandro Puztulu saluta il San Donato Tavarnelle: “E’ un arrivederci”

223
Alessandro Puztulu

TAVARNELLE (BARBERINO TAVARNELLE) – Una lunga lettera aperta. Per salutare quella che è stata la sua “casa” (sportivamente parlando) negli ultimi 13 anni.

Mister Alessandro Putzulu, prima giocatore e poi allenatore del settore giovanile del San Donato Tavarnelle, ha salutato al termine della stagione 2018/2019.

Ma il suo è solo un arrivederci, dovuto a motivi di lavoro: e lo ha voluto ribadire in questa lettera.

“Da dove partire, sicuramente posso dire che in questi ultimi 13 anni il Pianigiani è stata per me come una seconda casa, dove ho raccolto tanto a livello personale e umano ma soprattutto a livello emotivo, dove ho versato lacrime e dove ho esultato un po’ come quando nel 2006 l’Italia diventava campione del mondo, praticamente al 99% di tutti i goal dei ragazzi di tutte le squadre che ho allenato e tifato.

Ho avuto modo di collaborare con moltissime persone, di questa meravigliosa società, e vorrei ringraziarle una ad una, scrivendo il loro nome, ma credo che ognuna di loro già lo sappia quanta stima ed affetto provo nei loro confronti.

In questi anni per me è stato molto importante incontrarvi e poter da ognuno di voi imparare sempre qualcosa di nuovo, favorendo la crescita dei piccoli calciatori, grazie anche ad una mirata programmazione ed un lavoro alla base con grandi fondamenta.

Scrivendo questa lettera mi viene in mente un momento che racchiude tutte queste emozioni: un martedì sera, in occasione del consueto Mercatino che si svolge a Tavarnelle, dirigendomi in piazza dopo aver parcheggiato “sotto la Rampa”, incrociavo lungo il brevissimo tragitto qualche bambino di ogni annata, a partire dal 2000 finendo al 2009 ed ognuno di loro mi salutava con la consueta parola “Ciao Mister!”.

Molti di loro adesso sono ragazzi, gli stessi a cui ho sempre cercato di passare il messaggio di divertirsi correndo dietro a un pallone, gli stessi alla quale ho sempre cercato di trasmettere i valori di stare in un gruppo, di dare il massimo, nel calcio come nella vita.

Gli stessi la quale ho sempre detto di essere il loro primo tifoso e fratello maggiore, con tanta voglia di divertirmi insieme a loro, con la speranza di avergli lasciato qualcosa.

Ai più grandi come ai più piccoli.

Un ringraziamento va anche a tutti i loro genitori, con la quale ho condiviso molti momenti emozionanti e divertenti con loro e i propri figli.

Grazie veramente.

Questa lettera non è sicuramente un addio, ma un arrivederci con la speranza che un giorno la mia strada e quella della società possano nuovamente incrociarsi.

Forza San Donato Tavarnelle!”

Alessandro Puztulu

@RIPRODUZIONE RISERVATA