Champions Cup Fratres. Il Team Poretti dopo la vittoria con gli All Blacks: “Una grande rivincita”

370

SAN CASCIANO – Inutile negarlo. Il secondo quarto di finale della Champions Cup Fratres, che vedeva in campo le due finaliste 2018 (Team Poretti e All Blacks) era a dir poco sentito.

Tribune strapiene lunedì 8 luglio, striscioni, fumogeni. E in campo tanto agonismo. Figlio anche di qualche storia tesa rimasta sul terreno dopo la vittoria (nettissima) dei “tutti neri” nella finale 2018.

Ed è quindi anche per questo che i ragazzi del Team Poretti hanno voluto esprimere, con un lungo post di ringraziamento sui loro canali social, tutta la soddisfazione per il passaggio del turno (qui la cronaca completa della partita).

Metteteci in mezzo anche un bel po’ di rivalità paesana fra San Casciano (Team Poretti) e Tavarnelle (All Blacks) e gli ingredienti sono tutti pronti per un gran… piatto.

GLI HIGHLIGHTS DELLA PARTITA

“Solitamente – dicono dal Team Poretti – i ringraziamenti si fanno alla fine, ma oggi è davvero difficile. Grazie a tutti quelli che hanno contribuito a questa magnifica serata. Grazie a tutti i sancascianesi, che dimostrano ancora una volta, che se c’è da difendere il nome del nostro piccolo paese, la risposta è sempre più che positiva”.

“Grazie al “Commando Gialloverde” – proseguono – Grazie a chi ci ha sostenuto dalla tribuna coperta, grazie a chi ci ha offeso, criticato perché ci ha resi veramente invincibili! Grazie agli sponsor, sempre presenti sugli spalti (Franco Petruzzi del Panificio la Spiga, alla Gelateria Acquolina e al miglior parrucchiere di San Casciano Andrea Prischi). Grazie davvero a tutti!”.

“Ci siamo presi una grande rivincita – ammettono – siamo fieri di aver onorato il nome del nostro paese, che mai e poi mai sarà succursale di nessuno (il riferimento è a uno striscione apparso in tribuna e finito, al termine della partita, proprio nello spogliatoio-Poretti, n.d.r.)”.

“Avete provato a fare i furbi in casa nostra – dicono rivolti agli avversari – ne siete usciti con le ossa spezzate, con lo striscione rubato e con la coda fra le gambe”.

“Adesso chiudiamo il capitolo All Blacks – rilanciano – Il torneo non è finito, anzi il bello deve ancora venire.  Vi aspettiamo carichi in questo modo a sostenerci!”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA