Nuovo stop per il CS Lebowski: non basta il pari di Vargas, il San Donato Acli passa 2-1

212

TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – Seconda sconfitta consecutiva per i padroni di casa del Lebowski, fermi a 13 punti (dopo lo 0-3 a tavolino con l’Albinia), che giocano la partita con grande impegno e grinta, ma non riescono ad evitare una sconfitta contro la forte squadra di Orbetello.

# PROMOZIONE, GIRONE C: RISULTATI, CLASSIFICA E CALENDARIO

Grande vittoria invece per il San Donato, che vola in classifica mantenendo la seconda posizione ad un solo punto dalla capolista Perignano.

Il Lebowski, in maglia rossa, si presenta con un offensivo 3-4-3 mentri gli ospiti, in maglia nera, optano per un meno spregiudicato 4-3-3.

Il San Donato Aclì inizia molto forte e sblocca il match dopo soli 6’ con un colpo di testa del numero 10 Rispoli direttamente da calcio d’angolo: bravo l’attaccante grossetano che sfrutta una dormita della retroguardia fiorentina.

L’inizio di partita è pirotecnico e dopo soli 5 minuti, al 12’, Il Lebowski pareggia subito con un gol di destro di Vargas. Molto bravo nell’azione il centravanti fiorentino Ferravante, che su un lancio dalla difesa offre un bell’assist di test al giovane Vargas che solo davanti al portiere a quel punto non può sbagliare.

I padroni di casa, galvanizzati dal pareggio immediato, prendono in mano la partita e fanno girare bene il pallone.

Si dimostrano però disattenti e sempre su calcio d’angolo concedono un rigore al San Donato al 30’.

Netto il fallo di mano del numero 9 Ferravante che colpisce il pallone con la mano. Va sul dischetto Angelini, che spiazza il portiere e porta nuovamente avanti gli ospiti.

Il buon momento degl’ospiti viene confermato al 32’, quando vanno vicini al 3-1 con un bellissimo tiro dalla distanza del numero 10 Rispoli, che spara di destro da sinistra sforando il palo lontano. Si conclude dopo poco un primo tempo spettacolare.

Al rientro in campo, il Lebowski, caricato dal Mister Serrau, inizia subito forte. Infatti, al 46’ la squadra fiorentina sugli sviluppi di un corner, colpisce prima un palo con lo scatenato Vargas e poi una traversa con Ferravante.

Al 50’ altra occasione colossale per la squadra fiorentina con Lazzerini, che non riesce a ribadire in rete un cross dalla sinistra dopo un’uscita a vuoto del portiere grossetano.

Al 60’, i padroni di casa inseriscono forze fresche, Semplici per Senghorè e Calbi per Lazzerini: esordio con la maglia del Lebowski per Filippo Semplici, figlio dell’allenatore Leonardo, appena arrivato dall’Antella.

Calbi entra molto bene in partita e si rende pericoloso in due occasioni. Prima al 68’, quando il suo rasoterra da posizione defilata finisce di poco fuori e poco dopo al 73’ con un bel tiro da lunga distanza che viene però neutralizzato dal portiere Storai.

Il Lebowski continua a tenere in mano il pallino del gioco e prova ad acciuffare il pareggio, al 38’ però viene espulso il 6 Capparelli per un intervento duro ai danni del subentrato Nicolae.

Nonostante l’inferiorità numerica, i padroni di casa provano indomiti a pareggiare i conti e ci vanno molto vicini con un ottimo colpo di testa di Ferravante al 91’, che viene deviato in calcio d’angolo da un bell’intervento del portiere ospite.

Finisce dopo quest’ultima occasione 1-2 il match allo stadio Nesi di Tavarnuzze, con tutte le reti segnate nella prima frazione di gara.

Francesco De Vito

IL TABELLINO: 1-2

CENTRO STORICO LEBOWSKI: Tarchi, Frutti, Spiga, Pini L., Senghore (60’ Semplici), Capparelli P., Lazzerini (60’ Calbi), Fornai, Ferravante, Geri (77’ Improta), Vargas. A disp.: Bargagli, Lusini, Formigli, Vegni, Pini F., Giorgetti. All.: Serrau.

SAN DONATO ACLI: Storai, Majuri, Polidori, Savini, Faenzi (85’ Gentili), Agnelli, Toninelli (65’ Cosimi), Rigutini, Rispoli, Angelini, Ferrari (60’ Bicocci). A disp.: Leye, Amorifini, Sabatini, Pastorelli, Iabanji. All.: Ripaldi.

ARBITRO: Masi di Pontedera, coad. da Mazzoni e Kadir di Prato.

RETI: 7’ Rispoli, 12’ Vargas, 30’ rig. Angelini.

NOTE: ammoniti Tarchi, Geri, Calbi, Polidori, Ferrari, Majuri e Rigutini. Espulso Capparelli P.

@RIPRODUZIONE RISERVATA