San Donato Tavarnelle, il presidente Bacci: “A Pozzi l’ho detto, farai almeno 20 reti”

426

TAVARNELLE – E’ a dir poco entusiasta Andrea Bacci, presidente del San Donato Tavarnelle, dopo l’ufficialità della permanenza, anche per la stagione 2018/19, di Nicola Pozzi in maglia gialloblù.

La cena di lunedì scorso, con Bacci, il bomber e il “patron” Fabrizio Fusi, ha portato alla fumata bianca sperata.

1

E ora Bacci non sta nella pelle: “A Nicola l’ho detto – dice il presidente a SportChianti – quest’anno farai almeno venti reti”.

Oltre la scaramanzia quindi, trascinato da quello che è il sale di ogni cosa della vita. L’entusiasmo appunto.

“Anzi – ci dice Bacci – gli ho anche detto che non si azzardi a pensare di andare via a dicembre, visto che a quel punto sono convinto che avrò già fatto bene!”.

Quella che inizierà con mister Massimo Fusci il prossimo 25 luglio sarà la prima preparazione che Pozzi riesce a avviare dopo anni di infortuni.

E tutti sono concordi su una cosa: con il 9 in buone condizioni fisiche, il San Donato Tavarnelle si è aggiudicato il top per la categoria.

La scorsa stagione fu a due facce per Pozzi: un inizio pieno di incomprensioni con il mister Simone Marmorini, ai margini della squadra. Di lui si ricordano soprattutto interminabili riscaldamenti a bordo campo conclusi senza entrare.

Poi l’esonero di Marmorini e l’arrivo di Roberto Malotti. Con il quale era scattato il feeling: e allora via in campo, la forma piano piano ritrovata, alcune reti.

Fino, purtroppo, alla chiusura amara con la finale di Coppa Italia, e quel palo colpito nel rigore decisivo voluto dire sconfitta.

Ma Pozzi non ha mai nascosto che a Tavarnelle stava benissimo. E una volta arrivati gli “scossoni” degli addii di Francesco Colombini e, soprattutto, di Matteo Caciagli, ecco che le strategie della società e del direttore generale Massimo Manganelli si sono riorganizzate subito.

Ma il colpo-Pozzi è tutta farina del sacco Bacci-Fusi. Vedremo se la farina si trasforrmerà in un pane fragrante. E profumato di gol!

Matteo Pucci

@RIPRODUZIONE RISERVATA