Riabilitazione equestre: un saggio emozionante con il C.R.E. “Il Quadrifoglio” a Impruneta

2435

IMPRUNETA – Con grande emozione da parte di tutti i presenti, si è svolto nel bellissimo Centro Ippico “La Cipressaia” in via delle Sodera 43, a Impruneta, il saggio conclusivo del corso di Riabilitazione Equestre del C.R.E. “Il Caprifoglio” la cui presidente è la dottoressa Silvia Silvi Barducci.

Mercoledì 6 giugno sono stati dieci gli allievi che, aiutati da personale specializzato, sono montati in sella.

La Riabilitazione Equestre si colloca fra le attività più stimolanti e divertenti nell’ambito delle terapie tese a favorire la conquista dell’autostima, dell’autonomia personale, dell’inserimento sociale.

Ed è grazie alle sue caratteristiche che il Centro “Il Caprifoglio” è stato scelto come sede di tirocinio dei partecipanti al “Master al “Master di I livello di Riabilitazione Equestre” della Facoltà di Medicina di Firenze e del “Corso Teorico Pratico in Riabilitazione Equestre” promosso dall’Associazione “Lapo”.

“Il Caprifoglio” collabora infatti da anni con la Cattedra di Neuropsichiatria Infantile dell’Università degli Studi di Firenze, nella valutazione degli effetti della Riabilitazione Equestre in bambini, ragazzi e adulti disabili.

In particolare è stato messo a punto dall’Università il “Protocollo di valutazione per la Riabilitazione Equestre nei Disordini Neuromotori”.

Questo tipo di Riabilitazione è indicata sia in soggetti con patologia psichica (ritardo mentale, disturbi del comportamento, psicosi) che con patologia neuromotoria (paralisi cerebrali infantili, esiti di trauma cranico), grazie alle particolari caratteristiche dello strumento utilizzato, il cavallo.

“Il Caprifoglio” svolge l’attività esclusivamente presso il Centro Ippico “La Cipressaia” dove la famiglia Mugnaini mette a disposizione in maniera del tutto gratuita la struttura al coperto e i cavalli. Fra l’altro Camilla Mugnaini è una delle operatrici de “Il Caprifoglio”.

Tanto è l’amore e la passione che ognuno dei tecnici mette in questa attività: i cavalli (Laco, Pallino, Nicol, Stella), sono appositamente scelti per questo tipo di terapia. Annimali con tanta “pazienza” e “comprensione” per il particolare lavoro che svolgono.

“Il Caprifoglio” per la prossima stagione che si aprirà a settembre, ha ancora la possibilità di accogliere nuovi allievi/e. Il costo della terapia è contenuto, identico al costo che viene chiesto per gli allievi normodotati.

Mentre le operatrici Camilla, Silvia, Ilaria, Rebecca, Rachele, saranno liete di offrire il loro servizio sociale. Per avere ulteriori informazioni ai corsi si può inviare una email a silvia-silvi@libero.it.

Antonio Taddei

@RIPRODUZIONE RISERVATA